Ancora Sbagliati

Guardo le cose intorno a me e non so da dove cominciare.
La maggior parte di queste cose sono semplicemente oggetti dislocati nello spazio.
Basterebbe un piccolo movimento per spostarli, ri-metterli a posto o trovargli un posto in questo flusso e caos in eterno divenire.
Invece, li guardo.
Li fisso.
Come se il potere del mio sguardo potesse muoverli.
Ed eccoli lì. Ancora fuori posto.
Ancora appiccicati.
Ancora sbagliati.