Background

Il Frantoio: Una Finestra sul Mondo

Dopo un percorso durato dieci anni, in cui i laboratori e le attività creative di Firenza Guidi ed ELAN avevano albergato in posti e luoghi diversi spesso pestando i piedi ad altre realtà come lo sport, la scuola o altre strutture alternative, finalmente si presenta, nel 2004, la possibilità di avere una casa: un luogo deputato che ha come prima destinazione la creatività, la cultura, la formazione artistica. Il progetto Frantoio si presenta come l’articolazione di un centro di produzione e formazione che abbraccia tutte le arti performative, ideato e strutturato organicamente e non come un semplice susseguirsi di attività. Molto spesso si tende a pensare alle arti come generi distinti: il teatro, il cinema, la musica, le arti visive, la danza, l’opera. L’ esperienza ci insegna che le arti hanno un impatto profondo l’una sull’altra influenzandosi a vicenda. Contaminazione, citazioni e influenze nei linguaggi artistici aiutano a nutrire e capire processi culturali più vasti. Per questo ELAN vede nel Frantoio un luogo in cui diverse forme artistiche si riuniscono sotto lo stesso tetto per crescere e far crescere. Il Frantoio come spazio, quindi, in cui esplorare ed esprimere la propria creatività. Uno spazio in cui imparare, investire tempo, passione e talento. Come centro di partecipazione, di impegno professionale, di comunicazione. Un centro di attività e scuola per giovani e adulti del territorio e oltre, che continuerà ad allargarsi sempre di più a livello regionale, nazionale e internazionale per aprire delle finestre sul mondo.