Firenza Guidi Writings

Director's Notes

Baglady

Sorry we haven't translated this yet
Read more...

Baglady è una homeless che trascina con sé brandelli di vita annodati e confusi in borse di plastica: tra morsi di pane, coperte e carte da gioco ci sono i resti di un passato rimosso, doloroso e cocente. Un segreto indicibile e inviolabile permea il parlare sconnesso che sgorga dalle labbra della donna.

Read more...

Linge Sale

Sorry we haven't translated this yet
Read more...

Un uomo, una donna
insieme piccoli e grandi, bambini e adulti, animali intelligenti,
esseri complici, piccoli orsacchiotti chiusi in una gabbia.
Movimenti circolari, e ricordi che non si slegano dalla placca celebrale...
immagini proiettate come vecchie diapositive.

Read more...

Lago senza Lacrime

Sorry we haven't translated this yet
Read more...

Nell'improbabile atmosfera del l'ex Jaiss di Sovigliana, più di 200 ragazzi tra i tredici e i quattordici anni rivivranno e faranno rivivere le ultime ore di terrore nel blocco 66 di Buchenwald. Lo spettacolo va dalla storia alla contemporaneità per ricordare i 904 ragazzi trovati ancora vivi a Buchenwald, quando l'11 Aprile 1945, i soldati del Generale Patton rompono il filo spinato che teneva prigionieri i ventuno mila internati del campo.

Read more...

Eclipses

Read more...

Eclipses is the story of the first 10 women who became the protagonists of one of the most disarming fragments of holocaust history: the creation and opening of the first brothel for Buchenwald concentration-camp prisoners.
If, after the war, the survivors found it difficult to speak about their experiences in the lager, for the women who survived in the Sonderbau (the first camp brothel) talking was virtually impossible. The topic was, and still is, taboo.

Read more...

Measure for Measure

Read more...

Carnal, dark, sensual, Measure for Measure is a journey into the secret foldings and unfoldings of power. A play, an installation, a promenade performance. The audience will walk through lanes, courtyards and back-alleys of an imaginary Vienna. Power pervades all like an addictive drug. Nobody's safe. Even the good surrender to the seduction of power.

Read more...

Il Silenzio del Bue 2010

Sorry we haven't translated this yet
Read more...

Il Silenzio del Bue prende come punto di partenza il libro di Franco Giustolisi L'Armadio della Vergogna, un armadio rimasto chiuso per mezzo secolo, in un vano remoto, sbarrato da un cancello con tanto di lucchetto e con le ante rivolte contro il muro. Questo armadio conteneva documenti incriminanti per fare giustizia sulle stragi nazi-fasciste della Seconda Guerra, ma quei fascicoli rimasero muti, in quell'armadio rimosso e dimenticato nel Palazzo della Procura generale militare.

Read more...

The True Outline of the World

Read more...

XIX International Performance School

"The True Outline of the World" is the title of ELAN Frantoio's 2010 International Summer School. It is a performance project created and directed by Firenza Guidi and inspired by Julio Cortázar's novel "Hopscotch". The project includes a two-week workshop for performers, designers, musicians and others in the creative arts. It explores the production and performance techniques developed by Firenza Guidi over the past 20 years.

Read more...

L'Anima Buona

Sorry we haven't translated this yet
Read more...

Se nella notte sentite dei campanelli suonare, sono gli dei che stanno arrivando: cercano un'anima buona. È proprio il dramma L'Anima Buona di Sezuan di Bertolt Brecht, infatti, ad essere al centro del laboratorio condotto da Firenza Guidi per le classi 5e dell'Istituto Checchi, tappa conclusiva del progetto triennale che ha coinvolto una cinquantina di ragazzi.

Read more...

La Passione di Gismonda

Sorry we haven't translated this yet
Read more...

Come sarebbe Gismonda ora, nella nostra società? Dov'è Gismonda dentro di noi? È, infatti, l'eroina dell'omonima novella tratta dal Decameron del Boccaccio ad ispirare il laboratorio/spettacolo condotto da Firenza Guidi, che coinvolgerà più di quaranta ragazzi delle classi 3e dell'Istituto A. Checchi, sezione liceo.

Read more...

Auschwitz II

Read more...

"Arbeit Macht Frei" - work makes you free: the same sign that greeted the deportees at their arrival in Auschwitz greets the spectators entering the auditorium. The lager is here, today, the past knocks at our door and we are obliged to listen. We pass the gate of the concentration camp and we are not human beings anymore, identity is replaced by a number.

Read more...